Odoo/7.0/man/Fattura in prima nota

From zeroincombenze
Jump to: navigation, search
Tb arrow up.jpg Tb arrow next.jpg Tb 8.0.png Tb 9.0.png Tb 10.0.png Lang english.png


Registrare una fattura direttamente in prima nota

Per registrare una fattura cliente in prima nota il percorso è: Contabilità → Clienti → Fatture Clienti

Per registrare una nota credito cliente in prima nota il percorso è: Contabilità → Clienti → Note Credito Clienti

Per registrare una fattura fornitore in prima nota il percorso è: Contabilità → Fornitori → Fatture Fornitori

Per registrare una nota credito fornitore in prima nota il percorso è: Contabilità → Fornitori → Note Credito Fornitori

Le note di accredito sono registrabili anche nel registro IVA vendite o acquisti come le fatture ma con il segno negativo. Attenzione! Non tutte le distribuzioni di Odoo gestiscono correttamente questa tipologia di registrazione (ad esempio nello Spesometro).

I clienti del Cloud Zeroincombenze® o coloro che installano la distribuzione Zeroincombenze® possono usufruire di questa modalità di regitrazione.


Fatture acquisto estere e reverse charge

Le fatture di acquisto che non rientrano nel campo della territorialità (da soggetti esteri) o da soggetti identificati dalla legge come soggetti a reverse charge devono essere registrate con le modalità qui a seguito spiegate.

Le fatture da soggetti italiani con reverse charge o da soggetti intraUE devono essere registrate con integrazione.

Le fatture da soggetti extraUE devono essere nazionalizzate e registrate con autofattura.

I processi di integrazione e nazionalizzazione con autofattura sono molto simili ma fiscalmente molto diversi.

L'integrazione prevede la doppia registrazione, una nel registro IVA acquisti (con l'integrazione dell'IVA) e una nel registro IVA vendite. La registrazione nel registro vendite è un'operazione tecnica esclusivamente interna al software.

La nazionalizzazione prevede tre registrazioni, la fattura originale nel registro acquisti, la l'autofattura nazionalizzata nel registro IVA acquisti (con l'aggiunta dell'IVA) e l'autofattura nel registro IVA vendite. L'autofattura è un documento da stampare e da inserire insieme ai documenti di vendita ed per questo motivo è intestata all'azienda medesima.

Fatture fornitore con Reverse Charge

Le fatture con reverse charge o inversione contabile sono fatture da soggetti italiani che non applicano l'IVA. Queste fatture devono essere integrate. Il processo al momento è manuale, si precede il rilascio della versione automatica a gennaio 2018.

Le operazioni da effettuare sono:

  1. Registrazione fattura fornitore con integrazione dell'IVA
  2. Registrazione nel registro vendite
  3. Registrazione giroconto
  4. Riconciliazioni


Fattura fornitore con integrazione IVA

Attenzione!

L'esempio qui riportato è valido per un'azienda con regime di detrazione IVA (ordinario o semplificato). Nel caso di contabilità di soggetto che on detrae l'IVA, esempio ente non commerciale con partita IVA, occorre registrare la fattura con IVA indetraibile:

Fattura acquisto con Reverse Charge Fattura originale Registrazione
Totale fattura e debito v/fornitore (Zeroincombenze® consiglia 250100) Importo originale (es. 100) Importo originale + IVA (es. 122)
Codice IVA Zeroincombenze® a17c6a: N.I. art.17c6 DPR633
Conto IVA Zeroincombenze® 153050 Non imponibile senza IVA Importo IVA (es. 22)
Costo Importo fattura (es. 100) Importo originale (es. 100)

Registrazione nel registro vendite

L'esempio qui riportato è valido anche per le aziende che non detraggono l'IVA:

Integrazione autofattura Reverse Charge Fattura originale Registrazione
Conto cliente (Zeroincombenze® consiglia 152100) + anagrafica fornitore Importo originale fattura fornitore + IVA (es. 122)
Codice IVA Zeroincombenze® a17c6a: Rev. charge art.17c6 DPR633
Conto IVA Zeroincombenze® 260050 Importo IVA (es. 22)
Conto transitorio di ricavo Zeroincombenze® 550070 Importo originale (es. 100)

Registrazione giroconto

La registrazione di giroconto azzera il credito virtuale verso il fornitore sul mastro clienti, azzera il ricavo transitorio dell'autofattura e azzera il maggior debito verso il fornitore derivante dall'integrazione dell'IVA. Dopo il giroconto, a bilancio risulterà solo il debito reale verso il fornitore ed il costo reale della fattura. Esempio:

Giroconto Dare Avere
Conto cliente (Zeroincombenze® consiglia 152100) + anagrafica fornitore Importo originale + IVA (es. 122)
Conto transitorio di ricavo Zeroincombenze® 550070 Importo originale (es. 100)
Conto fornitore (Zeroincombenze® consiglia 250100) + anagrafica fornitore Importo IVA (es. 22)

Riconciliazioni

L'ultimo passo, le riconciliazioni, non hanno effetto sul bilancio ma rendono più pulita la situazione verso il fornitore. Occorre riconciliare la fattura fornitore originale con il contro fornitore del giroconto, per l'importo dell'IVA.



Fatture fornitori IntraUE

Le fatture IntraUE sono registrate con il reverse charge o inversione contabile. Queste fatture devono essere integrate. Il processo al momento è manuale, si precede il rilascio della versione automatica a gennaio 2018.

Le operazioni da effettuare sono:

  1. Registrazione fattura fornitore con integrazione dell'IVA
  2. Registrazione nel registro vendite
  3. Registrazione giroconto
  4. Riconciliazioni


Fattura fornitore con integrazione IVA

Attenzione!

L'esempio qui riportato è valido per un'azienda con regime di detrazione IVA (ordinario o semplificato). Nel caso di contabilità di soggetto che on detrae l'IVA, esempio ente non commerciale con partita IVA, occorre registrare la fattura con IVA indetraibile:

Fattura acquisto IntraUE Fattura originale Registrazione
Totale fattura e debito v/fornitore UE (Zeroincombenze® consiglia 250110) Importo originale (es. 100) Importo originale + IVA (es. 122)
Codice IVA Zeroincombenze® a17c6a: N.I. art.17c6 DPR633
Conto IVA Zeroincombenze® 153050 Non imponibile senza IVA Importo IVA (es. 22)
Costo Importo fattura (es. 100) Importo originale (es. 100)

Registrazione nel registro vendite

L'esempio qui riportato è valido anche per le aziende che non detraggono l'IVA:

Integrazione autofattura IntraUE Fattura originale Registrazione
Conto clienti UE (Zeroincombenze® consiglia 152110) + anagrafica fornitore Importo originale fattura fornitore + IVA (es. 122)
Codice IVA Zeroincombenze® a17c6a: Rev. charge art.17c6 DPR633
Conto IVA Zeroincombenze® 260050 Importo IVA (es. 22)
Conto transitorio di ricavo Zeroincombenze® 550070 Importo originale (es. 100)

Registrazione giroconto

La registrazione di giroconto azzera il credito virtuale verso il fornitore sul mastro clienti, azzera il ricavo transitorio dell'autofattura e azzera il maggior debito verso il fornitore derivante dall'integrazione dell'IVA. Dopo il giroconto, a bilancio risulterà solo il debito reale verso il fornitore ed il costo reale della fattura. Esempio:

Giroconto Dare Avere
Conto cliente UE (Zeroincombenze® consiglia 152110) + anagrafica fornitore Importo originale + IVA (es. 122)
Conto transitorio di ricavo Zeroincombenze® 550070 Importo originale (es. 100)
Conto fornitore UE (Zeroincombenze® consiglia 250110) + anagrafica fornitore Importo IVA (es. 22)

Riconciliazioni

L'ultimo passo, le riconciliazioni, non hanno effetto sul bilancio ma rendono più pulita la situazione verso il fornitore. Occorre riconciliare la fattura fornitore originale con il contro fornitore del giroconto, per l'importo dell'IVA.


Fatture fornitori extraUE

Le fatture ExtraUE sono registrate con la fattura originale nel registro acquisti e con due autofatture, una nel registro vendite e una nel registro acquisti. Il processo al momento è manuale, si precede il rilascio della versione automatica a gennaio 2018.

Le operazioni da effettuare sono:

  1. Registrazione fattura fornitore orignale
  2. Registrazione autofattura nel registro acquisti con nazionalizzazione
  3. Registrazione autofattura nel registro vendite con nazionalizzazione
  4. Registrazione giroconto
  5. Riconciliazioni


Fattura fornitore originale

Fattura acquisto ExtraUE Registrazione
Totale fattura e debito v/fornitore extraUE (Zeroincombenze® consiglia 250120) Importo originale (es. 100)
Costo Importo originale (es. 100)

Autofattura fornitore con nazionalizzazione

Attenzione!

L'esempio qui riportato è valido per un'azienda con regime di detrazione IVA (ordinario o semplificato). Nel caso di contabilità di soggetto che on detrae l'IVA, esempio ente non commerciale con partita IVA, occorre registrare la fattura con IVA indetraibile:

Fattura acquisto ExtraUE Fattura originale Registrazione
Conto fornitori ExtraUE (Zeroincombenze® consiglia 250120) + anagrafica azienda Importo originale (es. 100) Importo originale + IVA (es. 122)
Codice IVA Zeroincombenze® a17c2a: N.I. art.17c2 DPR633
Conto IVA Zeroincombenze® 153050 Non imponibile senza IVA Importo IVA (es. 22)
Conto transitorio (Zeroincombenze® consiglia 550070) Importo fattura (es. 100) Importo originale (es. 100)

Autofattura vendite con nazionalizzazione

L'esempio qui riportato è valido anche per le aziende che non detraggono l'IVA. L'autofattura deve essere stampata e inserta tra i documenti di vendita:

Integrazione autofattura ExtraUE Fattura originale Registrazione
Conto clienti ExtraUE (Zeroincombenze® consiglia 152120) + anagrafica azienda Importo originale fattura fornitore + IVA (es. 122)
Codice IVA Zeroincombenze® a17c2a: Rev. charge art.17c2 DPR633
Conto IVA Zeroincombenze® 260050 Importo IVA (es. 22)
Conto transitorio di ricavo Zeroincombenze® 550070 Importo originale (es. 100)

Registrazione giroconto

La registrazione di giroconto azzera il credito virtuale verso il fornitore sul mastro clienti. Dopo il giroconto, a bilancio risulterà solo il debito reale verso il fornitore ed il costo reale della fattura. Esempio:

Giroconto Dare Avere
Conto cliente (Zeroincombenze® consiglia 152100) + anagrafica azienda Importo originale + IVA (es. 122)
Conto fornitore (Zeroincombenze® consiglia 250100) + anagrafica azienda Importo originale + IVA (es. 122)

Riconciliazioni

L'ultimo passo, le riconciliazioni, non hanno effetto sul bilancio ma rendono più pulita la situazione verso il fornitore. Occorre riconciliare l'autofattura fornitore con l'autofatture cliente per il totale della fattura.